www.maranatha.it
 

 
  
 

Miserre mei, Deus - Psalmus 50
 

 

Piet di me, o Dio,
secondo la tua misericordia;
nella tua grande bont
cancella il mio peccato.

Lavami da tutte le mie colpe,
mondami dal mio peccato. 
Riconosco la mia colpa,
il mio peccato mi sta sempre dinanzi.

Contro di te, contro te solo ho peccato,
quello che male ai tuoi occhi, io l'ho fatto; 
perci sei giusto quando parli,
retto nel tuo giudizio.

Ecco, nella colpa sono stato generato,
nel peccato mi ha concepito mia madre. 
Ma tu vuoi la sincerit del cuore
e nell'intimo m'insegni la sapienza.

Purificami con issopo e sar mondato;
lavami e sar pi bianco della neve. 
Fammi sentire gioia e letizia,
esulteranno le ossa che hai spezzato.

Distogli lo sguardo dai miei peccati,
cancella tutte le mie colpe. 
Crea in me, o Dio, un cuore puro,
rinnova in me uno spirito saldo. 

Non respingermi dalla tua presenza
e non privarmi del tuo santo spirito. 
Rendimi la gioia di essere salvato,
sostieni in me un animo generoso. 

Insegner agli erranti le tue vie
e i peccatori a te ritorneranno. 
Liberami dal sangue, Dio, Dio mia salvezza,
la mia lingua esalter la tua giustizia.

Signore, apri le mie labbra
e la mia bocca proclami la tua lode;
poich non gradisci il sacrificio
e, se offro olocausti, non li accetti.

Uno spirito contrito
sacrificio a Dio, 
un cuore affranto e umiliato,
tu, o Dio, non disprezzi.

Nel tuo amore
fa' grazia a Sion,
rialza le mura
di Gerusalemme.

Allora gradirai i sacrifici prescritti,
l'olocausto e l'intera oblazione,
allora immoleranno vittime
sopra il tuo altare.

 


 
 

Miserre mei, Deus,
secund
m magnam misericrdiam tuam.
Et sec
ndum multitdinem miseratinum turum,
dele iniquiat
tem meam.
Amplius lava me ab iniquit
te mea:
et a pecc
to meo munda me.

Quniam iniquittem meam ego cognsco:
et pecc
tum meum contra me est semper.
Tibi soli pecc
vi,
et malum coram te feci:
ut justific
ris in sermnibus tuis,
et vincas cum judic
ris.

Ecce enim in inquittibus concptus sum:
et in pecc
tis concpit me mater mea.
Ecce enim verit
tem dilexsti:
incrta et occ
lta sapienti tu manifeststi mihi.
Asprges me hyss
po, et mundbor:
lav
bis me, et super nivem dealbbor.

Audtui meo dabis gudium et lttiam:
et exsult
bunt ossa humilita.
Av
rte fciem tuam a pecctis meis:
et omnes iniquit
tes meas dele.
Cor mundum crea in me, Deus:
et sp
ritum rectum nnova in viscribus meis.

Ne procias me a fcie tua:
et sp
ritum sanctum tuum ne uferas a me.
Redde mihi l
ttiam salutris tui:
et sp
ritu principli confrma me.

Docbo inquos vias tuas:
et
mpii ad te convertntur.
L
bera me de sangunibus,
Deus, Deus sal
tis me:
et exsult
bit lingua mea iusttiam tuam.
D
mine, lbia mea apries:
et os meum annunti
bit laudem tuam.

Quniam si volusses sacrifcium, dedssem tique:
holoc
ustis non delectberis.
Sacraf
cium Deo spritus contribultus:
cor contr
tum, et humiliatum,
Deus, non desp
cies.

Benigne fac, Dmine, in bona voluntte tua Sion:
ut
dificntur muri Iersalem.
Tunc accept
bis sacrifcium iustti,
oblati
nes, et holocusta:
tunc imp
nent super altre tuum vtulos.



 




 

 
Miserre mei, Deus - Phalmus 50