Liturgia di San Luigi Gonzaga, religioso

Commento alle Letture tratto dal MESSALE DELL'ASSEMBLEA CRISTIANA - FESTIVO opera del CENTRO CATECHISTICO SALESIANO Leumann (Torino) Editori ELLE DI CI - ESPERIENZE - EDIZIONI O.R. - QUERINIANA

 

     

21 GIUGNO
SAN LUIGI GONZAGA, RELIGIOSO

(+ 1568-1591)
Memoria

   

LETTURE: Fil 3, 8-14; Sal 15; Mt 13,44-46

   

Luigi, primogenito del marchese di Mantova, nacque a Castiglione delle Stiviere. Era un ragazzo vivace, impaziente, senza complessi, amava il gioco e si divertiva. La madre, Marta Tana di Chieri, gli insegn˛ da piccolo a orientare decisamente la sua vita a Dio. E con la sua tenacia vi riuscý. Ricevuta la prima volta lĺEucaristia da san Carlo Borromeo, coltiv˛ una forte unione con Ges¨. La grazia fece di lui un santo di grande dominio di sÚ, interamente votato alla caritÓ. Il suo segreto di eroismo Ŕ la preghiera; giÓ a 12 anni aveva deciso di dedicare 5 ore al giorno alla meditazione. Per gradi si sentý attratto alla vita religiosa. Col coraggio delle sue convinzioni, vinse lĺopposizione del padre, rinunci˛ alla primogenitura, e a 16 anni entr˛ nella Compagnia di Ges¨, avendo a maestro spirituale san Roberto Bellarmino. Lui, che riusciva bene negli affari, si dÓ assai pi¨ allo studio, alla preghiera, alla caritÓ: mira alle missioni e al martirio. Gliene venne lĺoccasione, ma diversa da quelle sognate: scoppi˛ la peste e Luigi si prodig˛ talmente che la contrasse e ne morý. Catechista coi ragazzi, premuroso con i poveri e i malati, fatto tutto a tutti: modello e protettore dei giovani che vogliono vivere la propria fede in Cristo.
Luigi fu soprattutto un giovane źgeneroso╗: Ŕ questa generositÓ che il Concilio chiede oggi nel suo źMessaggio ai giovani╗.
 

Canter˛ senza fine le grazie del Signore

Dalla źLettera alla madre╗ di san Luigi Gonzaga (Acta SS., giugno, 5, 878)
Io invoco su di te, mia signora, il dono dello Spirito santo e consolazioni senza fine. Quando mi hanno portato la tua lettera, mi trovano ancora in questa regione di morti. Ma facciamoci animo e puntiamo le nostre aspirazioni verso il cielo, dove loderemo Dio eterno nella terra dei viventi. Per parte mia avrei desiderato di trovarmici da tempo e, sinceramente, speravo di partire per esso giÓ prima d'ora.
La caritÓ consiste, come dice san Paolo, nel źrallegrarsi con quelli che sono nella gioia e nel piangere con quelli che sono nel pianto╗. Perci˛, madre illustrissima, devi gioire grandemente perchÚ, per merito tuo, Dio mi indica la vera felicitÓ e mi libera dal timore di perderlo. Ti confider˛, o illustrissima signora, che meditando la bontÓ divina, mare senza fondo e senza confini, la mia mente si smarrisce. Non riesco a capacitarmi come il Signore guardi alla mia piccola e breve fatica e mi premi con il riposo eterno e dal cielo mi inviti a quella felicitÓ che io fino ad ora ho cercato con negligenza e offra a me, che assai poche lacrime ho sparso per esso, quel tesoro che Ŕ il coronamento di grandi fatiche e pianto.
O illustrissima signora, guardati dall'offendere l'infinita bontÓ divina, piangendo come morto chi vive al cospetto di Dio e che con la sua intercessione pu˛ venire incontro alle tue necessitÓ molto pi¨ che in questa vita.
La separazione non sarÓ lunga. Ci rivedremo in cielo e insieme uniti all'autore della nostra salvezza godremo gioie immortali, lodandolo con tutta la capacitÓ dell'anima e cantando senza fine le sue grazie. Egli ci toglie quello che prima ci aveva dato solo per riporlo in un luogo pi¨ sicuro e inviolabile e per ornarci di quei beni che noi stessi sceglieremmo.
Ho detto queste cose solo per obbedire al mio ardente desiderio che tu, o illustrissima signora, e tutta la famiglia, consideriate la mia partenza come un evento gioioso. E tu continua ad assistermi con la tua materna benedizione, mentre sono in mare verso il porto di tutte le mie speranze. Ho preferito scriverti perchÚ niente mi Ŕ rimasto con cui manifestarti in modo pi¨ chiaro l'amore ed il rispetto che, come figlio, devo alla mia madre.
 

MESSALE

Antifona d'Ingresso  Cf Sal 23,4.3
Chi ha mani innocenti e cuore puro
salirÓ sul monte del Signore,
e starÓ nel suo santo luogo.
 

Innocens mßnibus et mundo corde ascÚndet in montem Dˇmini,

et stabit in loco sancto eius.
 
Colletta
O Dio, principio e fonte di ogni bene, che in san Luigi Gonzaga hai unito in modo mirabile l'austeritÓ e la purezza, fa' che per i suoi meriti e le sue preghiere, se non lo abbiamo imitato nell'innocenza, lo seguiamo sulla via della penitenza evangelica. Per il nostro Signore...
 

Deus, cŠlÚstium auctor donˇrum, qui in beßto AloÝsio miram vitŠ innocÚntiam cum pŠnitÚntia socißsti, eius mÚritis et intercessiˇne concÚde, ut, innocÚntem non sec˙ti, pŠnitÚntem imitÚmur. Per Dˇminum.
 
LITURGIA DELLA PAROLA


Prima Lettura  Fil 3, 8-14
Corro verso la meta per arrivare al premio che Dio ci chiama a ricevere in Cristo Ges¨.

Dalla lettera di san Paolo apostolo ai Filippesi

Fratelli, tutto io reputo una perdita di fronte alla sublimitÓ della conoscenza di Cristo Ges¨, mio Signore, per il quale ho lasciato perdere tutte queste cose e le considero come spazzatura, al fine di guadagnare Cristo e di essere trovato in lui, non con una mia giustizia derivante dalla legge, ma con quella che deriva dalla fede in Cristo, cioŔ con la giustizia che deriva da Dio, basata sulla fede. 
E questo perchÚ io possa conoscere lui, la potenza della sua risurrezione, la partecipazione alle sue sofferenze, diventandogli conforme nella morte, con la speranza di giungere alla risurrezione dai morti. 
Non per˛ che io abbia giÓ conquistato il premio o sia ormai arrivato alla perfezione; solo mi sforzo di correre per conquistarlo, perchÚ anch'io sono stato conquistato da Ges¨ Cristo. Fratelli, io non ritengo ancora di esservi giunto, questo soltanto so: dimentico del passato e proteso verso il futuro, corro verso la mŔta per arrivare al premio che Dio ci chiama a ricevere lass¨, in Cristo Ges¨. 


Salmo Responsoriale
  Dal Salmo 15
Sei tu, Signore, l'unico mio bene.


Proteggimi, o Dio: in te mi rifugio. 
Ho detto a Dio: źSei tu il mio Signore, 
senza di te non ho alcun bene╗ . 
Il Signore Ŕ mia parte di ereditÓ e mio calice: 
nelle tue mani Ŕ la mia vita. 

Benedico il Signore che mi ha dato consiglio; 
anche di notte il mio cuore mi istruisce. 
Io pongo sempre innanzi a me il Signore, 
sta alla mia destra, non posso vacillare. 

Mi indicherai il sentiero della vita, 
gioia piena nella tua presenza, 
dolcezza senza fine alla tua destra. 


Canto al Vangelo  Mt 5,3
Alleluia, alleluia.

Beati i poveri in spirito,
perchÚ di essi Ŕ il regno dei cieli.

Alleluia.

   

Vangelo   Mt 13, 44-46
Vende tutti i suoi averi e compra quel campo.

Dal vangelo secondo Matteo

In quel tempo, Ges¨ disse alla folla: źIl regno dei cieli Ŕ simile a un tesoro nascosto in un campo; un uomo lo trova e lo nasconde di nuovo, poi va, pieno di gioia, e vende tutti i suoi averi e compra quel campo. 
Il regno dei cieli Ŕ simile a un mercante che va in cerca di perle preziose; trovata una perla di grande valore, va, vende tutti i suoi averi e la compra╗. 

Sulle Offerte
Concedi, Signore, che sull'esempio di san Luigi Gonzaga, partecipiamo al banchetto celeste, rivestiti dell'abito nuziale, per ricevere l'abbondanza dei tuoi doni. Per cristo nostro Signore.

 
CŠlÚsti convÝvio fac nos, Dˇmine, exÚmplo beßti AloÝsii, nuptißli veste semper ind˙tos acc˙mbere, ut ex huius participatiˇne mystÚrii grßtia tua dÝvites efficißmur. Per Christum..

 
Antifona alla Comunione  Sal 77,24-25
Ha dato loro il pane del cielo:
l'uomo ha mangiato il pane degli angeli.
 
Panem cŠli dedit eis, panem Angelˇrum manducßvit homo.
 

Dopo la Comunione
O Dio, che ci hai nutriti con il pane degli angeli, f
a' che ti serviamo con caritÓ e purezza, e sull'esempio di san Luigi Gonzaga, viviamo in perenne rendimento di grazie. Per cristo nostro Signore.
 

Angelˇrum esca nutrÝtos, fac nos, Dˇmine, pura tibi conversatiˇne servÝre, et, eius quem hˇdie cˇlimus exÚmplo, in gratißrum semper actiˇne manÚre. Per Christum..

 

 

Sommario Liturgia


  www.maranatha.it

SESTRI LEVANTE (Genoa) Italy     

 

HOME  benvenuti | liturgia | bibbia | voci dal deserto | immagini & webcam | chiese locali | testi & documenti | pensieri

san francesco & santa chiara | massime eterne | papas pefkis | l'arcivescovo lambruschini | banner exch | links