Pantocrator della Cattedrale di Cefal¨ 

L'immagine  Ŕ quella del grandioso mosaico dell'abside del Duomo normanno di Cefal¨ risalente al dodicesimo secolo. 
  

  Cristo Pantocrator della Cattedrale di Cefal¨
click x 800x600

 

   

CRISTO PANTOCRATOR

 

E' il volto radioso del Cristo-Luce del racconto della Trasfigurazione: Ŕ il Cristo luce che si trasfigura davanti a Pietro, Giacomo e Giovanni mentre parlava della sua morte, per anticipare la gloria della sua resurrezione.  Questo Cristo luce proclama se stesso come luce del mondo nel suo Vangelo aperto proprio sul brano in latino e greco "Io sono la luce del mondo: chi segue me non cammina nelle tenebre, ma avrÓ la luce della vita".  Questo Cristo luce si presenta a noi come sintesi di tutta la storia della salvezza; il distico che chiude il catino dell'abside proclama la centralitÓ del Cristo glorioso:

 

"FACTUS HOMO FACTOR HOMINIS FACTIQUE REDEMPTOR+IUDICO CORPOREUS 
CORPORA CORDA DEUS" 

 

"Fattomi Uomo io il Creatore dell'uomo e Redentore della mia creatura+giudico da Uomo i corpi, come Dio i cuori".

 
Sintesi teologica straordinaria, non solo da leggere ma soprattutto da contemplare nel Cristo di Cefal¨. Il linguaggio dei colori nell'arte iconica Ŕ funzionale al discorso teologico: il rosso e l'oro sono simboli della divinitÓ; l'azzurro e/o il verde sono il simbolo della umanitÓ. Il Cristo Ŕ vestito con una tunica rossa con lumeggiature d'oro, perchÚ egli Ŕ Dio sempre,"Dio da Dio, luce da luce, Dio vero da Dio vero"; ma sulle spalle porta un mantello azzurro, perchÚ nella pienezza dei tempi si Ŕ fatto uomo come noi nascendo da una donna. Maria, al contrario, porta una tunica azzurra perchÚ Ŕ una creatura, ma Ŕ rivestita di un mantello rosso perchÚ Ŕ stata ricoperta di grazia, Ŕ la piena di grazia.  Tutta la decorazione musiva dell'abside di Cefal¨ Ŕ giocata su questo alternarsi di rosso e di verde, un inno di luce alle nozze di Dio con l'uomo celebrate nel Cristo Dio-uomo.  La mano destra Ŕ atteggiata in modo da indicare con le tre dita unite l'unitÓ e trinitÓ di Dio, e con le altre dita, leggermente arcuate, la duplice natura umana e divina del Cristo.  E' il gesto del Pantocratore, del Dio creatore che chiama dal nulla e sostiene tutto ci˛ che esiste; il gesto regale di chi con autoritÓ indice il silenzio, perchÚ lui solo, il Profeta, il Maestro, parla: la sua parola Ŕ il suo libro aperto; il profeta annuncia se stesso: "io sono la luce del mondo....". Di fronte al suo libro aperto, manifestazione piena e luminosa di se, tutti gli apostoli e i santi dei registri inferiori tengono i loro libri chiusi; solo Lui parla!  Solamente i profeti, nei registri laterali, hanno i loro cartigli srotolati, perchÚ ormai le loro profezie si sono compiute in Lui ed il loro senso Ŕ svelato.  La stola che scende dal suo omero destro indica la sua dignitÓ sacerdotale, e lo proclama mediatore della nuova ed eterna alleanza, sacerdote ed offerta di riconciliazione tra Dio e l'uomo.  Questo Cristo Glorioso trasfigurato Ŕ il Risorto che ritornerÓ un giorno nella gloria per giudicare i corpi e i cuori; ritornerÓ per fare il giudizio, per rendere definitivamente giusti, lui che ha assunto la debolezza di un corpo e un cuore umano, tutti gli uomini fatti di corpo e di cuore.

 
 
Diocesi di Cefal¨ 

http://www.diocesicefalu.net/


  www.maranatha.it

SESTRI LEVANTE (Genoa) Italy     

 

HOME  benvenuti | liturgia | bibbia | voci dal deserto | immagini & webcam | chiese locali | testi & documenti | pensieri

san francesco & santa chiara | massime eterne | papas pefkis | l'arcivescovo lambruschini | banner exch | links