www.maranatha.it/mobile

LA SACRA BIBBIA

Edizione CEI - 1974

Precedente  HOME  Successivo

 
2 Samuele  21


[1] Al tempo di Davide ci fu una carestia per tre anni; Davide cerc˛ il volto del Signore e il Signore gli disse: "Su Saul e sulla sua casa pesa un fatto di sangue, perchÚ egli ha fatto morire i Gabaoniti".

[2] Allora il re chiam˛ i Gabaoniti e parl˛ loro. I Gabaoniti non erano del numero degli Israeliti, ma un resto degli AmorrŔi, e gli Israeliti avevano giurato loro; Saul per˛, nel suo zelo per gli Israeliti e per quelli di Giuda, aveva cercato di sterminarli.

[3] Davide disse ai Gabaoniti: "Che devo fare per voi? In che modo espier˛, perchÚ voi benediciate l'ereditÓ del Signore?".

[4] I Gabaoniti gli risposero: "Fra noi e Saul e la sua casa non Ŕ questione d'argento o d'oro, nÚ ci riguarda l'uccidere qualcuno in Israele". Il re disse: "Quello che voi direte io lo far˛ per voi".

[5] Quelli risposero al re: "Di quell'uomo che ci ha distrutti e aveva fatto il piano di sterminarci, perchÚ pi¨ non sopravvivessimo entro alcun confine d'Israele,

[6] ci siano consegnati sette uomini tra i suoi figli e noi li impiccheremo davanti al Signore in GÓbaon, sul monte del Signore". Il re disse: "Ve li consegner˛".

[7] Il re risparmi˛ Merib-BÓal figlio di Gi˛nata, figlio di Saul, per il giuramento che Davide e Gi˛nata, figlio di Saul, si erano fatto davanti al Signore;

[8] ma il re prese i due figli che RizpÓ figlia di AiÓ aveva partoriti a Saul, Armoný e Merib-BÓal e i cinque figli che MerÓb figlia di Saul aveva partoriti ad AdriŔl il Mecolatita figlio di BarzillÓi.

[9] Li consegn˛ ai Gabaoniti, che li impiccarono sul monte, davanti al Signore. Tutti e sette perirono insieme. Furono messi a morte nei primi giorni della mietitura, quando si cominciava a mietere l'orzo.

[10] Allora RizpÓ, figlia di AiÓ, prese il mantello di sacco e lo tese, fissandolo alla roccia, e stette lÓ dal principio della mietitura dell'orzo finchÚ dal cielo non cadde su di loro la pioggia. Essa non permise agli uccelli del cielo di posarsi su di essi di giorno e alle bestie selvatiche di accostarsi di notte.

[11] Fu riferito a Davide quello che RizpÓ, figlia di AiÓ, concubina di Saul, aveva fatto.

[12] Davide and˛ a prendere le ossa di Saul e quelle di Gi˛nata suo figlio presso i cittadini di IabŔs di GÓlaad, i quali le avevano portate via dalla piazza di Beisan, dove i Filistei avevano appeso i cadaveri quando avevano sconfitto Saul sul Gelboe.

[13] Egli riport˛ le ossa di Saul e quelle di Gi˛nata suo figlio; poi si raccolsero anche le ossa di quelli che erano stati impiccati.

[14] Le ossa di Saul e di Gi˛nata suo figlio, come anche le ossa degli impiccati furono sepolte nel paese di Beniamino a Zela, nel sepolcro di Kis, padre di Saul; fu fatto quanto il re aveva ordinato. Dopo, Dio si mostr˛ placato verso il paese.

[15] I Filistei mossero di nuovo guerra ad Israele e Davide scese con i suoi sudditi a combattere contro i Filistei. Davide era stanco

[16] e Isbi-Ben˛b, uno dei figli di Rafa, che aveva una lancia del peso di trecento sicli di rame ed era cinto di una spada nuova, manifest˛ il proposito di uccidere Davide;

[17] ma AbisÓi, figlio di ZeruiÓ, venne in aiuto al re, colpý il Filisteo e lo uccise. Allora i ministri di Davide gli giurarono: "Tu non uscirai pi¨ con noi a combattere e non spegnerai la lampada d'Israele".

[18] Dopo, ci fu un'altra battaglia contro i Filistei, a Gob; allora SibbecÓi il Cusatita uccise Saf, uno dei figli di Rafa.

[19] Ci fu un'altra battaglia contro i Filistei a Gob; ElcanÓn, figlio di Iair di Betlemme, uccise il fratello di Golia di Gat: l'asta della sua lancia era come un subbio di tessitori.

[20] Ci fu un'altra battaglia a Gat, dove si trov˛ un uomo di grande statura, che aveva sei dita per mano e per piede, in tutto ventiquattro dita: anch'egli era nato a Rafa.

[21] Costui insult˛ Israele, ma lo uccise Gi˛nata, figlio di SimeÓ, fratello di Davide.

[22] Questi quattro erano nati a Rafa, in Gat. Essi perirono per mano di Davide e per mano dei suoi ministri.