www.maranatha.it/mobile

LA SACRA BIBBIA

Edizione CEI - 1974

Precedente  HOME  Successivo

 
2 Re  22


[1] Quando divenne re, Giosia aveva otto anni; regn˛ trentun anni in Gerusalemme. Sua madre, di Boscat, si chiamava Iedida figlia di Adaia.

[2] Fece ci˛ che Ŕ retto agli occhi del Signore, imitando in tutto la condotta di Davide, suo antenato, senza deviare nÚ a destra nÚ a sinistra.

[3] Nell'anno diciotto del suo regno, Giosia mand˛ SafÓn figlio di Asalia, figlio di MesullÓm, scriba, nel tempio dicendogli:

[4] "VÓ da Chelkia sommo sacerdote; egli raccolga il denaro portato nel tempio, che i custodi della soglia hanno raccolto dal popolo.

[5] Lo consegni agli esecutori dei lavori, addetti al tempio; costoro lo diano a quanti compiono le riparazioni del tempio,

[6] ossia ai falegnami, ai costruttori e ai muratori e l'usino per acquistare legname e pietre da taglio occorrenti per il restauro del tempio.

[7] Non c'Ŕ bisogno di controllare il denaro consegnato nelle mani di costoro, perchÚ la loro condotta ispira fiducia".

[8] Il sommo sacerdote Chelkia disse allo scriba SafÓn: "Ho trovato nel tempio il libro della legge". Chelkia diede il libro a SafÓn, che lo lesse.

[9] Lo scriba SafÓn quindi and˛ dal re e gli riferý: "I tuoi servitori hanno versato il denaro trovato nel tempio e l'hanno consegnato agli esecutori dei lavori, addetti al tempio".

[10] Inoltre lo scriba SafÓn riferý al re: "Il sacerdote Chelkia mi ha dato un libro". SafÓn lo lesse davanti al re.

[11] Udite le parole del libro della legge, il re si lacer˛ le vesti.

[12] Egli comand˛ al sacerdote Chelkia, ad Achikam figlio di SafÓn, ad Acbor figlio di Michea, allo scriba SafÓn e ad Asaia ministro del re:

[13] "Andate, consultate il Signore per me, per il popolo e per tutto Giuda, intorno alle parole di questo libro ora trovato; difatti grande Ŕ la collera del Signore, che si Ŕ accesa contro di noi perchÚ i nostri padri non hanno ascoltato le parole di questo libro e nelle loro azioni non si sono ispirati a quanto Ŕ stato scritto per noi".

[14] Il sacerdote Chelkia insieme con Achikam, Acbor, SafÓn e Asaia andarono dalla profetessa Culda moglie di Sall¨m, figlio di Tikva, figlio di Carcas, guardarobiere; essa abitava in Gerusalemme nel secondo quartiere.

[15] L'interrogarono ed essa rispose loro: "Dice il Signore Dio di Israele: Riferite all'uomo che vi ha inviati da me:

[16] Cosý parla il Signore: Eccomi, io faccio piombare una sciagura su questo luogo e sui suoi abitanti, attuando tutte le parole del libro lette dal re di Giuda,

[17] perchÚ hanno abbandonato me e hanno bruciato incenso ad altri dei per provocarmi a sdegno con tutte le opere delle loro mani; la mia collera divamperÓ contro questo luogo e non si spegnerÓ!

[18] Al re di Giuda, che vi ha inviati a consultare il Signore, riferirete: Queste cose dice il Signore Dio d'Israele: Quanto alle parole che hai udito,...

[19] poichÚ il tuo cuore si Ŕ intenerito e ti sei umiliato davanti al Signore, udendo le mie parole contro questo luogo e contro i suoi abitanti, che cioŔ diverranno una desolazione e una maledizione, ti sei lacerate le vesti e hai pianto davanti a me, anch'io ti ho ascoltato. Oracolo del Signore.

[20] Per questo, ecco, io ti riunir˛ ai tuoi padri; sarai composto nel tuo sepolcro in pace; i tuoi occhi non vedranno tutta la sciagura che io far˛ piombare su questo luogo". Quelli riferirono il messaggio al re.