www.maranatha.it/mobile

LA SACRA BIBBIA

Edizione CEI - 1974

Precedente  HOME  Successivo

 
2 Cronache  18


[1] Gi˛safat, che aveva ricchezza e gloria in abbondanza, si imparent˛ con Acab.

[2] Dopo alcuni anni scese da Acab in Samaria e Acab uccise per lui e per la gente del suo seguito pecore e buoi in quantitÓ e lo persuase ad attaccare con lui Ramot di GÓlaad.

[3] Acab re di Israele disse a Gi˛safat re di Giuda: "Vuoi venire con me contro Ramot di GÓlaad?". Gli rispose: "Conta su di me come su di te, sul mio popolo come sul tuo; sar˛ con te in battaglia".

[4] Allora Gi˛safat disse al re di Israele: "Consulta oggi stesso l'oracolo del Signore".

[5] Il re di Israele radun˛ i profeti, quattrocento circa, e domand˛ loro: "Devo marciare contro Ramot di GÓlaad o devo rinunziarvi?". Gli risposero: "Attacca; Dio la metterÓ nelle mani del re".

[6] Gi˛safat disse: "Non c'Ŕ qui nessun profeta del Signore da consultare?".

[7] Il re di Israele rispose a Gi˛safat: "Ci sarebbe un uomo con cui consultare il Signore, ma io lo detesto perchÚ non mi predice il bene ma sempre il male. Si tratta di Michea figlio di Imla". Gi˛safat disse: "Il re mio signore non parli cosý".

[8] Il re di Israele, chiamato un consigliere, gli ordin˛: "Convoca subito Michea figlio di Imla!".

[9] Il re di Israele e Gi˛safat re di Giuda, seduti ognuno sul suo trono, vestiti dei loro mantelli sedevano nell'aia di fronte alla porta di Samaria e tutti i profeti predicevano davanti a loro.

[10] Sedecia, figlio di Chenaana, che si era fatto corna di ferro, affermava: "Cosý dice il Signore: Con queste cozzerai contro gli Aramei sino ad annientarli".

[11] Tutti i profeti predicevano allo stesso modo: "Assali Ramot di GÓlaad, avrai successo; il Signore la metterÓ nelle mani del re".

[12] Il messaggero, che era andato a chiamare Michea, gli disse: "Ecco le parole dei profeti sono concordi nel predire il successo del re; ora la tua parola sia identica alle loro; predici il successo".

[13] Michea rispose: "Per la vita del Signore, io annunzier˛ solo quanto mi dirÓ il mio Dio".

[14] Si present˛ al re, che gli domand˛: "Michea, dobbiamo marciare contro Ramot di GÓlaad oppure dobbiamo rinunziarvi?". Quegli rispose: "Attaccatela, avrete successo; i suoi abitanti saranno messi nelle vostre mani".

[15] Il re gli disse: "Quante volte ti devo scongiurare di non dirmi altro che la veritÓ in nome del Signore?".

[16] Allora egli disse:
"Ho visto tutti gli Israeliti
vagare sui monti
come pecore senza pastore.
Il Signore dice: Non hanno padroni; ognuno torni a casa in pace!".

[17] Il re di Israele disse a Gi˛safat: "Non te l'avevo forse detto che non mi avrebbe predetto nulla di buono, ma solo il male?".

[18] Michea disse: "Pertanto, ascoltate la parola del Signore. Io ho visto il Signore seduto sul trono; tutto l'esercito celeste stava alla sua destra e alla sua sinistra.

[19] Il Signore domand˛: Chi ingannerÓ Acab re di Israele, perchÚ marci contro Ramot di GÓlaad e vi perisca? Chi rispose in un modo e chi in un altro.

[20] Si fece avanti uno spirito che - presentatosi al Signore - disse: Io lo inganner˛. Il Signore gli domand˛: Come?

[21] Rispose: Andr˛ e diventer˛ uno spirito di menzogna sulla bocca di tutti i suoi profeti. Quegli disse: Lo ingannerai; certo riuscirai; vÓ e fÓ cosý.

[22] Ecco, dunque, il Signore ha messo uno spirito di menzogna nella bocca di tutti questi tuoi profeti, ma il Signore a tuo riguardo preannunzia una sciagura".

[23] Allora Sedecia figlio di Chenaana si avvicin˛ e percosse Michea sulla guancia dicendo: "Per quale via lo spirito del Signore Ŕ passato da me per venire a parlare in te?".

[24] Michea rispose: "Ecco lo vedrai quando passerai di stanza in stanza per nasconderti".

[25] Il re di Israele disse: "Prendete Michea e conducetelo ad Amon capo della cittÓ e a Ioas figlio del re.

[26] Riferite loro: Il re ordina: Mettetelo in prigione e mantenetelo con il minimo di pane e di acqua finchÚ torner˛ in pace".

[27] Michea disse: "Se tu tornerai in pace, il Signore non ha parlato per mezzo mio".

[28] Il re di Israele e Gi˛safat re di Giuda marciarono su Ramot di GÓlaad.

[29] Il re di Israele disse a Gi˛safat: "Io mi travestir˛ per andare in battaglia. Tu resta con i tuoi abiti". Il re di Israele si travestý ed entrarono in battaglia.

[30] Il re di Aram aveva ordinato ai suoi capi dei carri: "Non combattete contro nessuno, piccolo o grande, ma unicamente contro il re di Israele!".

[31] Quando i capi dei carri videro Gi˛safat dissero: "╚ il re di Israele!". Lo circondarono per assalirlo; Gi˛safat grid˛ e il Signore gli venne in aiuto e Dio li allontan˛ dalla sua persona.

[32] Quando si accorsero che non era il re di Israele, i capi dei carri si allontanarono da lui.

[33] Ma uno, teso a caso l'arco, colpý il re di Israele fra le maglie dell'armatura e la corazza. Il re disse al suo cocchiere: "Gira, portami fuori dalla mischia, perchÚ sono ferito".

[34] La battaglia infuri˛ per tutto quel giorno; il re di Israele stette sul carro di fronte agli Aramei sino alla sera e morý al tramonto del sole.