www.maranatha.it/mobile

LA SACRA BIBBIA

Edizione CEI - 1974

Precedente  HOME  Successivo

 
Neemia  3


[1] Eliasýb, sommo sacerdote, con i suoi fratelli sacerdoti si misero a costruire la porta delle Pecore; la consacrarono e vi misero i battenti; continuarono a costruire fino alla torre di Mea, che poi consacrarono, e fino alla torre di CananeŔl.

[2] Accanto a Eliasýb lavoravano gli uomini di Gerico e accanto a loro lavorava Zacc¨r figlio di Imri.

[3] I figli di SenaÓ costruirono la porta dei Pesci, ne fecero l'intelaiatura e vi posero i battenti, le serrature e le sbarre.

[4] Accanto a loro lavorava alle riparazioni Merem˛t figlio di Uria, figlio di Akkoz; accanto a loro lavorava alle riparazioni MesullÓm, figlio di Berechia figlio di MesezabŔel; accanto a loro lavorava alle riparazioni Zad˛k figlio di Baana;

[5] accanto a loro lavoravano alle riparazioni quelli di Tek˛a; ma i loro notabili non piegarono il collo a lavorare all'opera del loro Signore.

[6] IoiadÓ figlio di PasŔach e MesullÓm figlio di Besodia, restaurarono la porta Vecchia; ne fecero l'intelaiatura e vi posero i battenti, le serrature e le sbarre.

[7] Accanto a loro lavoravano alle riparazioni Melatia il Gabaonita, Iadon il Meronotita, e gli uomini di GÓbaon e di MizpÓ, alle dipendenze della sede del governatore dell'Oltrefiume;

[8] accanto a loro lavorava alle riparazioni UzziŔl figlio di Caraia tra gli orefici e accanto a lui lavorava Anania tra i profumieri. Essi hanno rinforzato Gerusalemme fino al Muro Largo;

[9] accanto a loro lavorava alle riparazioni Refaia figlio di Cur, capo della metÓ del distretto di Gerusalemme.

[10] Accanto a loro lavorava alle riparazioni, di fronte alla sua casa, Iedaia figlio di Carumaf e accanto a lui lavorava Cattus figlio di CasabniÓ.

[11] Malchia figlio di Carim e Cass¨b figlio di Pacat-Moab restaurarono la parte successiva di mura e la torre dei Forni.

[12] Accanto a loro lavorava alle riparazioni insieme con le figlie, Sall¨m figlio di All˛ches, capo della metÓ del distretto di Gerusalemme.

[13] Canun e gli abitanti di Zan˛ach restaurarono la porta della Valle; la ricostruirono, vi posero i battenti, le serrature e le sbarre. Fecero inoltre mille cubiti di muro fino alla porta del Letame.

[14] Malchia figlio di RecÓb, capo del distretto di Bet-Kerem, restaur˛ la porta del Letame; la ricostruý, vi pose i battenti, le serrature e le sbarre.

[15] Sall¨m figlio di Col-Coze, capo del distretto di MizpÓ, restaur˛ la porta della Fonte; la ricostruý, la coprý, vi pose i battenti, le serrature e le sbarre. Fece inoltre il muro della piscina di Siloe, presso il giardino del re, fino alla scalinata per cui si scende dalla cittÓ di Davide.

[16] Dopo di lui Neemia figlio di Azbuk, capo della metÓ del distretto di Bet-Zur, lavor˛ alle riparazioni fin davanti alle tombe di Davide, fino alla piscina artificiale e fino alla casa dei Prodi.

[17] Dopo di lui lavoravano alle riparazioni i leviti, sotto Recum figlio di Bani; accanto a lui lavorava per il suo distretto CasabiÓ, capo della metÓ del distretto di KeilÓ.

[18] Dopo di lui lavoravano alle riparazioni i loro fratelli, sotto Binnui figlio di ChenadÓd, capo dell'altra metÓ del distretto di KeilÓ;

[19] accanto a lui Ezer figlio di GiosuŔ, capo di MizpÓ, restaurava un'altra parte delle mura, di fronte alla salita dell'arsenale, all'angolo.

[20] Dopo di lui Baruch figlio di Zaccai ne restaurava con ardore un'altra parte dall'angolo fino alla porta della casa di Eliasýb sommo sacerdote.

[21] Dopo di lui Merem˛t figlio di Uria, figlio di Akkoz, ne restaurava un'altra parte, dalla porta della casa di Eliasýb fino all'estremitÓ della casa di Eliasýb.

[22] D
opo di lui lavoravano i sacerdoti che abitavano la periferia.

[23]
Dopo di loro Beniamino e Cassub lavoravano di fronte alla loro casa. Dopo di loro Azaria figlio di Maaseia, figlio di Anania, lavorava presso la sua casa.
 
[24] Dopo di lui Binnui figlio di Chenadad restaur˛ un
'altra parte delle mura, dalla casa di Azaria fino alla svolta, cioŔ all'angolo.

[25] Palal figlio di Uzai lavor˛ di fronte alla svolta e alla torre sporgente dal piano di sopra della reggia, che dß sul cortile della prigione. Dopo di lui lavorava Pedaia figlio di Pareos.

[26] Gli oblati che abitavano sull
'Ofel, lavoravano fin davanti alla porta delle Acque, verso oriente, e di fronte alla torre sporgente.

[27] Dopo di loro quelli di Tek˛a ne restaurarono un
'altra parte, di fronte alla gran torre sporgente e fino al muro dell'Ofel.

[28] I sacerdoti lavoravano alle riparazioni sopra la porta dei Cavalli, ciascuno di fronte alla sua casa.

[29] Dopo di loro Zadok figlio di Immer lavorava di fronte alla sua casa. Dopo di lui lavorava Semaia figlio di Secania, custode della porta d`oriente.

[30] Dopo di lui Anania figlio di Selemia e Canun sesto figlio di Zalaf restaurarono un
'altra parte delle mura. Dopo di loro Mesullam figlio di Berechia lavorava di fronte alla sua stanza.

[31] Dopo di lui Malchia, uno degli orefici, lavorava fino alla casa degli oblati e dei mercanti, di fronte alla porta della Rassegna e fino al piano di sopra dell
'angolo.

[32] Gli orefici e i mercanti lavorarono alle riparazioni fra il piano di sopra dell
'angolo e la porta delle Pecore.

[33] Quando SanballÓt seppe che n
oi edificavamo le mura, si adir˛, si indign˛ molto, si fece beffe dei Giudei

[34] e disse in presenza dei suoi fratelli e dei soldati di Samaria: "Che vogliono fare questi miserabili Giudei? Rifarsi le mura e farvi subito sacrifici? Vogliono finire in un giorno? Vogliono far rivivere pietre sepolte sotto mucchi di polvere e consumate dal fuoco?".

[35] Tobia l'Ammonita, che gli stava accanto, disse: "Edifichino pure! Se una volpe vi salta su, farÓ crollare il loro muro di pietra!".

[36] Ascolta, Dio nostro, come siamo disprezzati! FÓ ricadere sul loro capo il loro dileggio e abbandonali al saccheggio in un paese di schiavit¨!

[37] Non coprire la loro iniquitÓ e non sia cancellato dalla tua vista il loro peccato, perchÚ hanno offeso i costruttori.

[38] Noi dunque andavamo ricostruendo le mura che furono dappertutto portate fino a metÓ altezza; il popolo aveva preso a cuore il lavoro.