www.maranatha.it/mobile

LA SACRA BIBBIA

Edizione CEI - 1974

Precedente  HOME  Successivo

 
2 Maccabei  14


[1] Dopo un periodo di tre anni, venne all'orecchio degli uomini di Giuda che Demetrio, figlio di SelŔuco, era sbarcato nel porto di Tripoli con un grande esercito e la flotta

[2] e si era impadronito del paese, eliminando Antioco e il suo tutore Lisia.

[3] Un certo Alcimo, che era stato prima sommo sacerdote, ma che si era volontariamente contaminato nei giorni della secessione, accorgendosi che per nessun verso si apriva a lui una via di salvezza nÚ ulteriore accesso al sacro altare,

[4] and˛ dal re Demetrio verso l'anno centocinquantuno offrendogli una corona d'oro e una palma oltre ai tradizionali ramoscelli di ulivo del tempio e per quel giorno stette quieto.

[5] Ma colse l'occasione favorevole alla sua follia, quando fu chiamato da Demetrio al consiglio e fu interrogato in quale disposizione e mentalitÓ si tenessero i Giudei. A questa richiesta rispose:

[6] "I Giudei che si dicono AsidŔi, a capo dei quali sta Giuda il Maccabeo, alimentano guerre e ribellioni e non lasciano che il regno trovi la tranquillitÓ.

[7] Per questo anch'io, privato della dignitÓ ereditaria, intendo dire del sommo sacerdozio, sono venuto qui,

[8] spinto anzitutto da schietta premura per gli interessi del re e dalla preoccupazione della sconsideratezza delle suddette persone, in secondo luogo mirando ai miei concittadini, perchÚ, a causa del disordine della situazione descritta, tutto il nostro popolo viene non poco impoverito.

[9] Ora che sai queste cose in particolare, tu, re, provvedi al paese e alla nostra stirpe che va decadendo, con quella cortese benevolenza che hai con tutti.

[10] Fin quando Giuda Ŕ lÓ, la situazione non pu˛ mettersi tranquilla".

[11] Dopo queste sue parole, gli altri amici, irritati per i successi di Giuda, si affrettarono a infiammare Demetrio.

[12] Questi, designato subito NicÓnore, giÓ a capo degli elefanti, e nominatolo stratega della Giudea, lo invi˛

[13] con l'ordine di eliminare prima Giuda, di disperdere i suoi uomini e di costituire Alcimo sommo sacerdote del tempio massimo.

[14] Allora i pagani della Giudea, che erano fuggiti davanti a Giuda, si univano in massa a NicÓnore sapendo che le sfortune e le calamitÓ dei Giudei sarebbero state apportatrici di fortuna per loro.

[15] Quando seppero della venuta di NicÓnore e dell'aggressione dei pagani, i Giudei cosparsi di polvere, elevarono suppliche a colui che ha stabilito il suo popolo per i secoli e che con segni palesi sempre protegge la sua porzione.

[16] Poi il comandante, dati gli ordini, mosse rapidamente di lÓ e si scontr˛ con loro presso il villaggio di Dessau.

[17] Simone, fratello di Giuda, aveva giÓ attaccato NicÓnore, ma era rimasto battuto per l'improvvisa comparsa dei nemici.

[18] Tuttavia NicÓnore, sentendo parlare del valore che avevano gli uomini di Giuda e del loro entusiasmo nelle lotte per la patira, non si arrischiava a decidere la sorte con spargimento di sangue.

[19] Per questo mand˛ Posidonio e Te˛doto e Mattatia a dare e ricevere la destra per la pace.

[20] Fu fatto un lungo esame intorno a queste cose e, quando il comandante ne diede comunicazione alle truppe, il parere risult˛ concorde e accettarono gli accordi.

[21] Fissarono il giorno nel quale sarebbero venuti a un incontro privato. Dall'una e dall'altra parte avanz˛ una lettiga e collocarono dei seggi.

[22] Giuda tuttavia dispose degli uomini armati nei luoghi opportuni per paura che si verificasse d'improvviso qualche tradimento da parte dei nemici: cosý in buon accordo tennero il convegno.

[23] NicÓnore si trattenne in Gerusalemme e non fece alcun gesto fuori luogo; anzi licenzi˛ le turbe raccogliticce che gli si erano unite.

[24] Voleva Giuda sempre alla sua presenza, sentiva un'intima inclinazione per quel prode.

[25] L'esort˛ a sposarsi e ad avere figli; e quegli si spos˛, potŔ mettersi a posto e godere giorni sereni.
 
[26] Ma Alcimo, vedendo la loro reciproca simpatia e procuratosi copia degli accordi intercorsi, and˛ da Demetrio e gli disse che NicÓnore seguiva una linea contraria agli interessi dello stato: aveva infatti nominato suo successore Giuda, il sobillatore del regno.

[27] Il re, acceso di sdegno e irritato per le calunnie di quel genio malefico, scrisse a NicÓnore, dichiarandogli di essere scontento delle alleanze concluse e ordinandogli che gli mandasse subito ad Antiochia il Maccabeo in catene.

[28] NicÓnore, sopreso da questi ordini, rimase sconcertato e aveva ripugnanza a rompere le alleanze senza che l'uomo avesse commesso alcuna colpa.

[29] Ma, poichÚ non gli era possibile agire contro la volontÓ del re, cercava l'occasione per effettuare la cosa con qualche stratagemma.

[30] Il Maccabeo, notando che NicÓnore era pi¨ freddo nei rapporti con lui e che nei consueti incontri si comportava con durezza, arguendo che questa freddezza non presagiva niente di buono, raccolti non pochi dei suoi non si fece pi¨ vedere da NicÓnore.

[31] Quest'altro, accortosi di essere stato giocato abilmente da quell'uomo, salito al massimo e santo tempio, mentre i sacerdoti stavano compiendo i sacrifici prescritti, ordin˛ che gli fosse consegnato l'uomo.

[32] I sacerdoti dichiararono con giuramento che non sapevano dove mai fosse il ricercato

[33] ma egli, stendendo la destra contro il tempio, giur˛: "Se non mi consegnerete Giuda in catene, far˛ di questa dimora di Dio una piazza pulita, abbatter˛ dalle fondamenta l'altare e innalzer˛ qui uno splendido tempio a Dioniso".

[34] Dette queste grosse parole, se ne and˛. I sacerdoti alzando le mani al cielo, invocarono il protettore sempre vigile del nostro popolo:

[35] "Tu, Signore, che di nulla hai bisogno, ti sei compiaciuto di porre il tempio della tua abitazione in mezzo a noi.
[36] E ora tu, Santo e Signore di ogni santitÓ, custodisci questa tua casa, appena purificata, per sempre libera da contaminazioni".

[37] Fu denunziato a NicÓnore un certo Razis degli anziani di Gerusalemme, uomo pieno di amore per la cittÓ, che godeva grandissima fama e chiamato per la sua benevolenza padre dei Giudei.

[38] Egli infatti nei giorni precedenti la rivolta si era attirata l'accusa di giudaismo e realmente per il giudaismo aveva impegnato corpo e anima con piena generositÓ.

[39] Volendo NicÓnore far nota a tutti l'ostilitÓ che aveva verso i Giudei, mand˛ pi¨ di cinquecento soldati per arrestarlo;

[40] pensava infatti che, prendendo costui, avrebbe arrecato loro un grave colpo.

[41] Ma, quando quella truppa stava per occupare la torre e tentava di forzare la porta del cortile e ordinavano di portare il fuoco e di appiccarlo alle porte, egli, accerchiato da ogni lato, si piant˛ la spada in corpo,

[42] preferendo morire nobilmente piuttosto che divenire schiavo degli empi e subire insulti indegni della sua nobiltÓ.

[43] Non avendo per˛ portato a segno il colpo per la fretta della lotta, mentre la folla premeva fuori delle porte, salý coraggiosamente sulle mura e si lasci˛ cadere a precipizio sulla folla con gesto da prode.

[44] Essi lo scansarono immediatamente lasciando uno spazio libero ed egli cadde in mezzo allo spazio vuoto.

[45] PoichÚ respirava ancora, con l'animo infiammato, si alz˛, mentre il sangue gli usciva a fiotti e le ferite lo straziavano e, attraversata di corsa la folla, salý su di un tratto di roccia,

[46] ormai completamente esague; si trapp˛ gli intestini e prendendoli con le mani li gett˛ contro la folla; morý in tal modo invocando il Signore della vita e dello spirito perchÚ di nuovo glieli restituisse.