www.maranatha.it/mobile

LA SACRA BIBBIA

Edizione CEI - 1974

Precedente  HOME  Successivo

 
Baruc  1


[1] Queste sono le parole del libro che Baruc figlio di Neria, figlio di MaasiÓ, figlio di Sedecýa, figlio di Asadia, figlio di Chelkýa, scrisse in Babilonia

[2] nell'anno quinto, il sette del mese, nella ricorrenza di quando i Caldei presero Gerusalemme e la diedero alle fiamme.

[3] Baruc lesse le parole di questo libro alla presenza di Ieconia, figlio di Ioiakým, re di Giuda e di tutto il popolo, accorso per ascoltare la lettura:

[4] erano presenti i nobili, i figli del re, gli anziani, tutto il popolo dal pi¨ piccolo al pi¨ grande, quanti insomma abitavano in Babilonia presso il fiume Sud.

[5] Ascoltata la lettura, piansero, digiunarono, pregarono il Signore,

[6] poi, raccolto un p˛ di denaro, secondo quel che ognuno poteva dare,

[7] lo mandarono a Gerusalemme al sacerdote Ioakim figlio di Chelkýa, figlio di Sal˛m e agli altri sacerdoti e al popolo che erano con lui in Gerusalemme.

[8] Era il dieci del mese di Sivan, quando Baruc ricevette, per portarli in Giuda, i vasi della casa del Signore, che erano stati portati via dal tempio. Erano quei vasi d'argento che Sedecýa figlio di Giosia, re di Giuda, aveva fatto rifare,

[9] dopo che Nabucod˛nosor re di Babilonia aveva deportato da Gerusalemme in Babilonia Ieconia, i principi, gli schiavi, i nobili e il popolo del paese.

[10] Mandarono a dire loro: Ecco, vi mandiamo il denaro per comprare olocausti, sacrifici espiatori e incenso e offrire oblazioni sull'altare del Signore nostro Dio.

[11] Pregate per la vita di Nabucod˛nosor re di Babilonia e per la vita di suo figlio BaldassÓr, perchÚ i loro giorni sulla terra siano lunghi come i giorni del cielo sulla terra.

[12] Pregate perchÚ il Signore ci dia forza e illumini i nostri occhi e si possa vivere all'ombra di Nabucod˛nosor, re di Babilonia, e all'ombra del figlio BaldassÓr e servirli per molti anni e trovar grazia ai loro occhi.

[13] Pregate il Signore nostro Dio anche per noi che lo abbiamo offeso e fino ad oggi il suo sdegno e la sua ira non si sono allontanati da noi.

[14] Leggete perci˛ questo libro che vi abbiamo mandato per fare pubblica confessione nel tempio del Signore, in giorno di festa e nei giorni opportuni.

[15] Direte dunque:
Al Signore nostro Dio la giustizia; a noi il disonore sul volto, come oggi avviene per i Giudei e gli abitanti di Gerusalemme,

[16] per i nostri re e per i nostri principi, per i nostri sacerdoti e i nostri profeti e per i nostri padri,

[17] perchÚ abbiamo offeso il Signore,

[18] gli abbiamo disobbedito, non abbiamo ascoltato la voce del Signore nostro Dio per camminare secondo i decreti che il Signore ci aveva messi dinanzi.

[19] Da quando il Signore fece uscire i nostri padri dall'Egitto fino ad oggi noi ci siamo ribellati al Signore nostro Dio e ci siamo ostinati a non ascoltare la sua voce.

[20] Cosý, come oggi costatiamo, ci son venuti addosso tanti mali insieme con la maledizione che il Signore aveva minacciata per mezzo di MosŔ suo servo, quando fece uscire i nostri padri dall'Egitto per concederci un paese in cui scorre latte e miele.

[21] Non abbiamo ascoltato la voce del Signore nostro Dio, secondo le parole dei profeti che egli ci ha mandato:

[22] ma ciascuno di noi ha seguito le perverse inclinazioni del suo cuore, ha servito dei stranieri e ha fatto ci˛ che Ŕ male agli occhi del Signore nostro Dio.